A
Attualità
Attualità, 4/2021, 15/02/2021, pag. 73

Francesco - Alla curia e al corpo diplomatico: discorsi sulla crisi

Nome del nostro tempo

Gianfranco Brunelli

C’è un filo rosso che lega i due discorsi più importanti del papa di fine e inizio anno: quello alla curia per gli auguri natalizi (il 21 dicembre) e quello al corpo diplomatico, quest’anno ritardato di un mese (l’8 febbraio). Seppur tra loro diversi per destinatari, per approccio tematico e per funzione, i due discorsi presentano assieme una lettura concettuale e descrittiva della crisi come nome del nostro tempo.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-18

Italia - Elezioni amministrative: la natura della vittoria del PD

Franano Lega e 5 Stelle

Gianfranco Brunelli

Come si dice di solito: le elezioni amministrative non sono le politiche. Vero, ma i segnali ci sono tutti. Il Partito democratico (PD) vince stando fermo, direi immobile politicamente, e arretrando elettoralmente di meno. Lega e Movimento 5 Stelle (M5S) perdono la partita elettorale e la prospettiva. Non hanno espresso una linea politica (la Lega salviniana) e non avevano e non hanno trovato un’identità (il M5S).

 

Attualità, 2021-18

Centro editoriale dehoniano - Chiusura EDB: domande alla Chiesa

Gianfranco Brunelli
Quando chiude una casa editrice, quando cessa la propria attività un ente editoriale come il Centro editoriale dehoniano (CED), che è stato parte importante della cultura (e non solo religiosa) della Chiesa italiana e del nostro paese, il sentimento è di amarezza, la percezione quella di una mancanza, di un vuoto. Il CED nacque dall’esperienza della rivista Il Regno sessant’anni...
Attualità, 2021-16

Francesco - Viaggio in Ungheria e Slovacchia: l’Europa stile Francesco

Gianfranco Brunelli

Dopo l’intervento all’intestino (da cui si è ristabilito in fretta), dopo avere fermamente escluso le dimissioni (dubbio insinuato nella comunicazione da chi le desidera), papa Francesco ha ripreso a viaggiare. L’occasione del 52° Congresso eucaristico internazionale lo ha portato (12-15 settembre) in due paesi dell’Est europeo, l’Ungheria e la Slovacchia, oggi al centro di questioni strategiche per l’Europa perché legate alla memoria e all’attuale situazione politico-culturale.