A
Attualità
Attualità, 4/2021, 15/02/2021, pag. 73

Francesco - Alla curia e al corpo diplomatico: discorsi sulla crisi

Nome del nostro tempo

Gianfranco Brunelli

C’è un filo rosso che lega i due discorsi più importanti del papa di fine e inizio anno: quello alla curia per gli auguri natalizi (il 21 dicembre) e quello al corpo diplomatico, quest’anno ritardato di un mese (l’8 febbraio). Seppur tra loro diversi per destinatari, per approccio tematico e per funzione, i due discorsi presentano assieme una lettura concettuale e descrittiva della crisi come nome del nostro tempo.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-6

Italia - Politica: un altro segretario non basta

La nomina di Letta e la crisi del PD

Gianfranco Brunelli

La crisi provocata da Renzi e risolta da Mattarella, che ha dato vita al governo Draghi, mostra tutta la fragilità del sistema politico italiano e degli attuali soggetti di centro-destra e di centro-sinistra. L’Italia uscita dalle urne del 2018, nelle sue rappresentanze politiche era ed è del tutto inadeguata, anzitutto su un piano culturale, ad affrontare il nuovo tempo della vita del paese. Quel tempo che la pandemia ha tragicamente e pienamente disvelato.

 

Attualità, 2021-4

Italia - Politica: Draghi e la fase nuova del paese

E per i partiti il compito di ricostruire un percorso di credibilità

Gianfranco Brunelli

L’ipotesi Draghi, prima ancora della formazione del governo Draghi, nasce dal fallimento della fase politica precedente. Una classe politica inadeguata, una frammentazione partitica frutto e concausa di una complessiva e lunga crisi di sistema che non ha trovato risposte adeguate a una democrazia compiuta: così un’intera fase politica è giunta a consunzione.

 

Attualità, 2021-2

Italia - Chiesa e pandemia: l’opzione Sinodo

La CEI, le Chiese locali, i cambiamenti del paese

Gianfranco Brunelli

Non è finito «l’inverno del nostro scontento». Il tempo della pandemia è ancora il nostro gelido presente. Tempo drammatico. I morti a milioni nel mondo. Con il ritmo di 500 al giorno, noi varcheremo presto la nera soglia dei 100.000. Pensavamo che fosse un tempo breve e con minor danno.