A
Attualità
Attualità, 2/2018, 15/01/2018, pag. 49

Diritti di genere

Dialoghi religiosi e culturali

Silvio Ferrari

Il cambiamento di sesso è uno dei banchi di prova dove la differenza tra diritti «secolari», che rivendicano l’autonomia dell’uomo da qualsiasi normativa, e diritti «religiosi», che ne predicano la dipendenza, emerge con maggiore chiarezza (Ferrari). All’interno delle confessioni cristiane esso pone un interrogativo non solo su come agire ma soprattutto su come interpretare la questione del «genere», tematizzato spesso come una minaccia (Sgroi). Concretamente quali vie stanno percorrendo ebraismo, cristianesimo e islam? Principalmente due. Una è quella basata sul principio del male minore, «una soluzione pragmatica di grande utilità per risolvere casi concreti», ma che «non fornisce nuovi elementi per dare una soluzione non contingente al problema». L’altra è quella che attribuisce maggior rilievo alla nozione d’integrità psico-fisica dell’identità sessuale della persona. Ma «anche in questo caso il presupposto è quello dell’esistenza di una situazione patologica da risolvere, non la libera determinazione della propria identità di genere» di un soggetto non affetto da alcuna patologia. I diritti dei paesi europei, aiutati dai potenziamenti tecnologici, sembrano invece rivendicare questa ultima come nuova frontiera della democrazia.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2017-8

Italia - Milano: religioni in carcere

Un progetto triennale su nove istituti lombardi

Daniela Milani, Silvio Ferrari

Secondo dati diffusi dal Ministero della giustizia sarebbero complessivamente 365 i detenuti sottoposti a controllo allo scopo di prevenire il rischio della cosiddetta «radicalizzazione». Questo rischio è confermato anche dalle analisi svolte dalla Commissione di studio sul fenomeno della radicalizzazione e dell’estremismo jihadista che, sebbene abbia escluso che in Italia questo fenomeno, per quanto presente, sia paragonabile per dimensioni e intensità a quanto si registra nel centro-nord Europa, tuttavia ha richiamato l’attenzione sui rischi provenienti dalle prigioni e dal web. Negli ultimi anni questi due luoghi hanno infatti assunto, secondo la Commissione, «un’importanza particolare nella diffusione e nel l’assorbimento dell’ideologia jihadista».

Attualità, 2017-2

Europa – Islam radicale: la laicità è la nostra radice

Silvio Ferrari

Sul Corriere della sera del 3 e del 5 gennaio scorso sono comparsi tre articoli che trattano della sfida lanciata dal radicalismo islamico al mondo occidentale. Presi insieme questi articoli possono avallare una lettura semplicistica ed «essenzialista» del radicalismo islamico, secondo cui l’islam (tutto quanto?) ha dichiarato guerra all’Occidente che può resistere a questo attacco soltanto riscoprendo e rivalorizzando le proprie radici cristiane (solo queste?).

 

Attualità, 2016-10

Un mondo senza il Vecchio continente?

Eclisse dell'Europa, laicità e libertà religiosa

Silvio Ferrari

Le sfide che l’Europa deve affrontare, anche all’indomani della fuoriuscita del Regno Unito dall’Unione Europea, sono sotto gli occhi di tutti e sono particolarmente evidenti i segni della sua debolezza politica, economica e demografica. Ciò costituisce un vero e proprio declino che tuttavia va letto senza allarmismi e riduzionismi.