b
Blog

Blog

Fede e servizio

XXVII domenica del tempo ordinario Ab 1,2-3;2,2-4, Sal 94 (95); 2Tm 1,6-8.13-14, Lc 17,5-10 Nel testo evangelico di questa domenica il tema del servizio viene strettamente legato a quello della fede. Alla richiesta che gli apostoli fanno a Gesù, «Accresci in noi la fede!», segue una risposta fatta di immagini: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sradicati e vai a piantarti nel mare”». Ora un granello di senape è qualcosa di veramente minuscolo, poco più di un granello di sabbia, mentre un gelso è...

Incontro di Camaldoli: ri-alfabetizzare alla politica

Dopo l'analisi sui totalitarismi del Novecento (2019) e la questione della metamorfosi della democrazia (2021), l'incontro del 2022 prende in considerazione le forme che il potere assume in rapporto alla coscienza del cittadino e del credente. Gli atti del 2019 e del 2021 sono stati pubblicati nell'Annale Chiesa in Italia 2020 e Chiesa in Italia 2022.

Un ricco senza nome

XXVI domenica del tempo ordinario Am 6,1a.4-7, Sal 145 (146); 1Tm 6,11-16; Lc 16,19-31 In continuità con la pagina evangelica della domenica scorsa, la liturgia di oggi ci propone la parte finale del c. 16 di Luca, dove di nuovo ritroviamo i termini «ricchezza» e «vita eterna» o «dimore eterne». Questa volta i soggetti principali della scena che viene descritta sono un uomo ricco, di cui non si dice il nome, e un povero che invece un nome lo ha: Lazzaro. Durante la vita terrena il comportamento dell’uomo ricco è stato oltremodo egoista e,...

La gestione del debito

XXV domenica del tempo ordinario Am 8,4-7; Sal 112 (113); 1Tm 2,1-8; Lc 16,1-13 Il testo del Vangelo di questa domenica è ricchissimo di particolari che meriterebbero una spiegazione a sé, ma vediamo di cogliere comunque alcune indicazioni fondamentali che sono allo stesso tempo di carattere sia etico sia economico. Il contesto è quello agricolo: c’è un fattore che amministra i beni di un grosso proprietario terriero e dei fittavoli che non riescono a restituire quanto dovuto al padrone. Come evidenziato da alcuni studi biblici su questo brano, tale situazione...

Economia di giustizia

XXIV domenica del tempo ordinario Es 32,7-11.13-14; Sal 50 (51); 1Tm 1,12-17; Lc 15,1-32 Il Vangelo di questa domenica presenta diverse scene tutte tratte dalla vita reale, almeno di quel tempo. Un pastore e le sue pecore, una donna di casa e la sua moneta e infine un padre, i suoi due figli e il patrimonio da gestire e dividere. Che cosa hanno in comune questi tre racconti? Tra le varie possibili risposte e significati che vi si possono trarre, vi è anche la possibilità di leggerli in chiave economica. In tutti e tre i racconti, infatti, è descritta o un’attività...

Il mio discepolo

XXIII domenica del tempo ordinario Sap 9,13-18; Sal 89 (90); Fm 9b-10.12-17, Lc 14,25-33            Il Vangelo di questa domenica ci invita a una profonda riflessione sul tema del discepolato. Il cristiano è colui che sceglie di mettersi alla sequela di Gesù, e questa scelta implica una coerente concretezza di vita. Nel testo di Luca abbiamo tre indicazioni in merito. La prima, di per sé abbastanza comprensibile anche se molto difficile in realtà da attuare, è il primato di Gesù nell’ordine degli affetti:...

Tra servizio e ascolto

XVI domenica del tempo ordinario Gen 18,1-10a; Sal 14 (15); Col 1,24-28; Lc 10,38-42 L’episodio che si racconta nel Vangelo di questa domenica è forse tra i più conosciuti e commentati. Le due sorelle Marta e Maria vengono spesso descritte come l’emblema della vita attiva, la prima, e di quella contemplativa, la seconda. Due anime indispensabili di una stessa realtà: la Chiesa. Di per sé quindi essenziali e inscindibili, al punto che si dice anche che in fondo ogni credente deve essere un po’ Marta e un po’ Maria. Ma è proprio questa...

Amerai il tuo prossimo

XV domenica del tempo ordinario Dt 30,10-14; Sal 18 (19); Col 1,15-20; Lc 10,25-37 Se nel testo del Deuteronomio e del Salmo della liturgia di oggi si sostituisse, una volta per sempre, la parola «legge» con l’esatto termine che si trova nel testo ebraico, «Torah», forse si comprenderebbe meglio che si sta parlando non di una «legge», ma di quella parte della parola di Dio che i cristiani chiamano Pentateuco e che è base fondamentale di tutta la rivelazione biblica, proprio perché a essa si fa costantemente riferimento, non ultimo, anche...

I settantadue

XIV domenica del tempo ordinario Is 66,10-14c, Sal 65 (66); Gal 6,14-18; Lc 10,1-12.17-20 Nel Vangelo di oggi assistiamo all’invio di 72 messaggeri di pace e annunciatori del Regno. Dopo alcune importanti istruzioni i 72 partono e viene descritto il ritorno di questi discepoli pieni di gioia per i successi ottenuti. Certamente sono tanti i particolari su cui ci si potrebbe fermare per approfondire e riflettere, ma vorrei invece porre attenzione sul primo elemento di questo racconto, che forse rimane il più trascurato, ovvero sul numero «72». In realtà è...

Verso Gerusalemme

XIII domenica del tempo ordinario 1Re 19,16b.19-21; Sal 15 (16); Gal 5,1.13-18; Lc 9,51-62 Andare a Gerusalemme. È questa, credo, la chiave di lettura fondamentale per comprendere lo strano modo di comportarsi non solo dei samaritani, ma di Gesù stesso verso coloro che esprimono il desiderio di seguirlo. Procediamo per ordine. Gesù, nel Vangelo di questa domenica, punta lo sguardo dritto su Gerusalemme, anzi, secondo una traduzione più letterale del testo, «indurisce il suo volto» nell’andare verso Gerusalemme. È proprio questo indurimento...