d
il Regno delle Donne Tag: concilio-vaticano-ii

il Regno delle Donne Tag: concilio-vaticano-ii

In memoria di Adriana Zarri, a dieci anni dalla morte. «E dirà che ho vissuto, che attendo»

Adriana Zarri ha popolato il mio immaginario d’adolescente. Mio padre andava su tutte le furie quando la leggeva su Orizzonti. Né era il solo. Era franca, esplicita, spietata in quegli anni di mezzo che traghettavano la Chiesa oltre il Concilio. In cuor mio l’ammiravo. Ma la persona che ebbi occasione d’incontrare nel 1968 ad Assisi non era la Giovanna d’Arco, spada in pugno, che mi ero immaginata. Era mite, sospesa tra il reale e l’irreale (come ne esprimevano il mondo interiore le sue «favole/parabole»!), equamente compartita tra l’amore...

Se non cambia con la vita, la liturgia diventa un teatrino

Nei giorni di Pasqua l’impatto dell’emergenza sanitaria sulla preghiera della Chiesa ha portato più che mai allo scoperto le difficoltà nella ricezione della riforma liturgica. Papa Francesco, con la preghiera nella grande piazza deserta e la Via crucis, ha smosso scenari ormai irrimediabilmente superati.

Così il “vino nuovo” trasforma la vita religiosa

2 Febbraio, Giornata della vita consacrata /1 -Il mondo delle religiose di vita apostolica si confronta con i mutamenti della storia, che chiedono nuove vie di missione e nuove pratiche di vita evangelica, spingendo anche a un rinnovamento delle strutture. Il vento del Concilio, che ha cambiato la vita delle donne, continua a sostenerle in questa ricerca.

 

Paradossi e possibilità della “differenza cristiana”

2 Febbraio, Giornata della vita consacrata /2 – Dopo le note di Federica Cacciavillani sulla vita religiosa, proponiamo quelle di una consacrata dell’Ordo Virginum: una forma di vita antichissima ma abbandonata per secoli, reintrodotta dal Vaticano II ma non sempre correttamente compresa.

Ventitré uditrici per una Chiesa “maestra in umanità”

Quando l’8 dicembre 1965 si chiuse il concilio Vaticano II, qualcosa era cambiato per le donne nella Chiesa, e qualcosa iniziava a cambiare, nella Chiesa, grazie alle donne. Una riflessione di Marinella Perroni ci traghetta dalle ventitré uditrici di allora alle questioni di oggi.